Coronavirus e nuovo Dpcm, i sindaci pontini: “Al lavoro affinché nessuno resti indietro"

L’impegno dei primi cittadini. Attivato intanto in Prefettura un tavolo permanente di confronto aperto anche ai rappresentanti delle categorie commerciali

La manifestazione dei commercianti in piazza del Popolo a Latina

“Massimo impegno per contribuire ad accelerare l’iter dei ristori”: a parlare sono i sindaci della provincia di Latina che si schierano al fianco delle categorie più colpite dalle nuove restrizione disposte dal Governo con l’ultimo Dpcm del 24 ottobre. In Prefettura è stato attivato un tavolo permanente di confronto con i sindaci della provincia e, su richiesta del presidente della Camera di Commercio di Frosinone-Latina Giovanni Acampora, con i rappresentanti delle categorie commerciali. La decisione è maturata nella mattinata di ieri nell’ambito della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, allargato all’Ente Camerale, coordinato dal prefetto Maurizio Falco.

Si è condivisa, inoltre, "l’esigenza di un forte richiamo al senso di responsabilità con cui imprese e cittadini sono tenuti a manifestare il proprio profondo e comprensibile disagio, evitando comportamenti non rispettosi delle regole e che, dunque, non contribuiscono al comune sforzo teso al superamento dell’emergenza sanitaria e, conseguentemente, di quella economica".

“Tutto il Paese sta vivendo un momento di grandissima difficoltà – dichiarano congiuntamente i sindaci pontini – e alcuni settori stanno pagando più di altri le misure disposte dal Governo con l’ultimo DPCM. Il Consiglio dei Ministri ha da poco approvato il cosiddetto “decreto ristori” che prevede una serie di indennizzi per tutte le attività bloccate nell’emergenza. I Sindaci sono stati in prima linea per accelerare l’iter e faremo la nostra parte fino in fondo per assicurarci che le misure di sostegno arrivino in tempi brevissimi a chi ne farà legittimamente richiesta. Allo stesso tempo lanciamo un appello ai nostri concittadini: restiamo uniti e dimostriamo lo stesso senso di responsabilità che ci ha contraddistinto durante la prima fase della pandemia. Noi saremo al vostro fianco, al lavoro affinché nessuno rimanga indietro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: 236 nuovi casi in provincia e altre quattro vittime del covid da Latina e Fondi

  • Coronavirus Latina: altri 5 decessi in provincia, 139 i nuovi casi positivi

  • Coronavirus Latina: ancora 260 nuovi casi in provincia. Un altro decesso

  • Coronavirus, nuova impennata: 309 casi in provincia, quattro morti. In aumento i ricoveri

  • Coronavirus Latina: si impenna ancora la curva, 274 i nuovi casi. Altri 6 decessi

  • Coronavirus Latina: la curva dei contagi non si piega, altri 257 in provincia. Tre i decessi

Torna su
LatinaToday è in caricamento