"Youthink Rural", parte l’avventura in Spagna di 4 giovani volontari di Cori

Si tratta di un progetto di Servizio Volontario Europeo: i 4 giovani saranno impegnati per 11 settimane, fino al 17 Novembre, in attività di recupero delle aree rurali abbandonate attraverso la cultura e la creatività.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

"YOUTHink Rural" è iniziata l'esperienza del giovane corese Francesco Maria e dei suoi tre compagni d'avventura, Alessia, Ernesto e Sara. Si tratta di un progetto di Servizio Volontario Europeo ideato da FuturoDigitale in partnership con l'Associazione Culturale spagnola 'Imágenes y Palabras'.

Partiti il 1° Settembre alla volta della Spagna, verso un piccolo villaggio della provincia di Burgos, La Aldea del Portillo de Busto, i quattro giovani volontari saranno impegnati per 11 settimane, fino al 17 Novembre, in attività di recupero delle aree rurali abbandonate attraverso la cultura e la creatività.

Si punta a far sviluppare nei partecipanti abilità e competenze per l'innovazione e la riqualificazione delle zone rurali, attraverso attività culturali e creative, stimolando la partecipazione attiva e la proattività dei giovani in direzione di uno sviluppo territoriale in chiave 'smart'.

I quattro sono ospiti presso 'El Hacedor', sede di 'Imágenes y Palabras' e centro culturale di riferimento nell'area per artisti e volontari internazionali. FuturoDigitale offre l'opportunità di partecipare a progetti basati sulla programmazione della mobilità giovanile Erasmus+ e il supporto costante, sia in fase di organizzazione/formazione che precede la partenza, sia durante i mesi di servizio.

Nello specifico il gruppo si occuperà di attività creative per bambini con finalità educative (riciclo, riuso) e ludiche; assistenza agli artisti che arriveranno in paese; laboratori artistici e creativi multidisciplinari; organizzazione di eventi culturali e iniziative pubbliche di coinvolgimento della popolazione.

E ancora, workshop sulla rivitalizzazione dei villaggi spopolati, visite presso altri simili progetti di volontariato; cura degli spazi verdi. La differenziazione delle attività e delle iniziative è indispensabile per la vita moderna in contesti rurali e per la crescita umana e sociale dei giovani volontari che avranno la possibilità si misurarsi in ambiti diversi.

Il progetto ambisce a diventare il punto di partenza di un percorso più lungo. Per questo è stata creata la pagina Facebook YOUTHink Rural, per raccontare lo SVE dei 4 ragazzi e come luogo di confronto su come i giovani possano 'reinventare' la vita nei piccoli centri a rischio spopolamento. Al termine i partecipanti riceveranno il certificato Youthpass da allegare al proprio CV, che descrive e convalida l'esperienza acquisita.

Torna su
LatinaToday è in caricamento