Venerdì, 19 Luglio 2024
Dopo il voto

Amministrative 2023, esulta il centrodestra in provincia di Latina: “Premiata la filiera di Governo"

Calandrini commenta i risultati di questa tornata elettorale che sorridono alla coalizione guidata da Fratelli d’Italia che dopo Latina e Terracina vince anche ad Aprilia con Lanfranco Principi nuovo sindaco

Esulta il centrodestra pontino dopo il ballottaggio che chiude questa tornata delle elezioni amministrative. Il secondo turno, infatti, ha portato ad Aprilia all’elezione a sindaco di Lanfranco Principi in corsa con una coalizione guidata da Fratelli d’Italia e Lega e con il sostegno di altre cinque liste civiche. 

Con la vittoria di Principi il centrodestra ha trionfato in tutte e tre le grandi città della provincia che sono andate al voto in questa tornata delle amministrative, guidato da Fratelli d’Italia che nel capoluogo ha sfiorato il 30%. Due settimane fa al primo turno, infatti, a Latina ha vinto Matilde Celentano - primo sindaco donna nel capoluogo - che, con un centrodestra unito, ha ottenuto più del 70% delle preferenze battendo l’ex sindaco Damiano Coletta, e a Terracina Francesco Giannetti che con oltre il 64% è stato eletto sindaco battendo altri quattro candidati. 

“Dopo Latina e Terracina, anche Aprilia premia il centrodestra e la filiera di Governo” ha commentato soddisfatto il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia Latina, il senatore Nicola Calandrini” che ha fatto i suoi auguri di buon lavoro al sindaco di Aprilia Principi. 

“Ora arriva il momento più difficile: come fatto a livello nazionale con il Governo di Giorgia Meloni, dovremmo metterci subito al lavoro per risolvere le tante problematiche che attanagliano i nostri territori. Abbiamo dalla nostra il sostegno della Regione Lazio e del Parlamento Italiano: una filiera di governo concreta che sono certo non potrà che far bene anche ad Aprilia”. 

Ma anche il senatore Calandrini non nasconde la preoccupazione per il dato dell’affluenza crollata al secondo turno ad Aprilia e scesa a poco più del 45%. Un andamento questo che si era già palesato sia alle politiche di settembre che alle regionali di febbraio. “Preoccupa, anche in questa occasione, il dato legato all’astensionismo. Anche in questo ballottaggio un apriliano su due ha deciso di non recarsi alle urne. Una tendenza che va assolutamente invertita. Come Fratelli d’Italia, siamo al lavoro da mesi per rinvigorire la base militante e organizzare una classe dirigente sempre più estesa e professionalizzante. I risultati ci danno ragione: non solo dal punto di vista elettorale ma anche dal numero di militanti che tornano, finalmente, ad affollare le nostre sedi su tutto il territorio della provincia di Latina. Lo dobbiamo ai nostri figli, che devono necessariamente capire che la gestione della cosa pubblica è un’attività che riguarda tutti noi, che anche con una semplice ‘X’ sulla scheda elettorale possiamo fare davvero tanto per tutta la nazione” conclude il coordinatore provinciale di FdI. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Amministrative 2023, esulta il centrodestra in provincia di Latina: “Premiata la filiera di Governo"
LatinaToday è in caricamento