Politica

Concorsi truccati alla Asl, la replica di D'Amato a Simeone: "La Regione non si sostituisce alla magistratura"

L'assessore del Lazio, dopo la discussione dell'interrogazione presentata dal consigliere di opposizione, ricorda come a febbraio, prima degli arresti, la Direzione regionale aveva già chiesto la revoca del concorso

Arriva la pronta replica dell'assessore alla Sanità del Lazio Alessio D'Amato sulle accuse mosse dal consigliere regionale di Forza Italia Giuseppe Simeone, che ha presentato un'interrogazione in Regione sul caso dei concorsi truccati alla Asl di Latina. Secondo Simeone in particolare, le risposte del presidente Zingaretti e dell'assessore D'Amato all'interrogazione dimostrerebbero una non volontà di chi governa la Regione di fare luce sulle "pressioni politiche" subite dall'azienda sanitaria.

L'assessore D'Amato ricorda però che lo scorso febbraio,molto prima che scattassero le misure cautelari, proprio dalla Direzione regionale era arrivata la richiesta di revoca dei concorsi: "Come ho già risposto in aula al consigliere Simeone, la Direzione regionale dal 9 febbraio - spiega l'assessore alla Sanità della Regione - ha chiesto la revoca dei concorsi e l’attuazione di tutte le misure amministrative, fino al licenziamento, delle persone ritenute responsabili, per cui rispedisco al mittente qualsiasi illazione. D’altronde non mi sembra che il consigliere Simeone abbia mai in precedenza sollevato alcuna questione circa questi due concorsi, ma presenta l’interrogazione solo dopo la pubblicazione di alcune intercettazioni pubblicate sulla stampa. La Regione non intende sostituirsi alla magistratura a cui riconferma piena fiducia e massima disponibilità”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concorsi truccati alla Asl, la replica di D'Amato a Simeone: "La Regione non si sostituisce alla magistratura"

LatinaToday è in caricamento