menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ordinanze di demolizione degli immobili di via Roccagorga, Borgo Piave e via Quarto

Assessore Castaldo: “Gli atti testimoniano la piena trasparenza dell’iter amministrativo che ha fatto il suo corso senza alcun tipo di condizionamento da parte della politica”

Sono state firmate oggi dal dirigente del servizio Politiche, gestione e assetto del territorio del Comune di Latina le tre ordinanze con cui si dispone la demolizione degli immobili di via Roccagorga, Borgo Piave e via Quarto. I permessi a costruire delle opere realizzate erano state rilasciate in conformità dei piani particolareggiati poi annullati. Le ordinanze impongono quindi di smantellare le opere (realizzate o in fase di costruzione) ritenute abusive entro 90 giorni. 

Il caso più complesso è quello del palazzo di via Roccagorga che risulta abitato, ed e finito nei giorni scorsi al centro delle polemiche per il ritardo nella firma dell’ordinanza di demolizione pronta da tempo.

Nello stesso edificio vive il figlio del sindaco Damiano Coletta, fatto che aveva generato i principali attacchi all’Amministrazione comunale. Nell’ordinanza firmata oggi - la numero 380 -, che prende atto anche della sentenza del Consiglio di stato del 22 ottobre scorso che respinge il ricorso sull’annullamento del Ppe, viene ordinato alla società costruttrice e ai proprietari di “provvedere con decorrenza immediata e non oltre novanta giorni (90 gg) dalla data di notifica della  presente, alla demolizione a proprie  cure e spese, delle opere edilizie abusivamente realizzate e alla rimessa in pristino dello stato dei luoghi”.

Lo stesso viene disposto, rispettivamente con le ordinanze numero 381 e numero 382, alla società Piave Ricostruzione per l’edificio di Borgo Piave e alla società Costruzioni Generali per via Quarto.

Sul caso è interventuo nel tardo pomeriggio di oggi anche l’assessore all’Urbanistica del Comune Francesco Castaldo. “Detto che è stata avviata la riprogettazione dei Piani R3 e R6 - dichiara attraverso una nota -, gli atti odierni testimoniano la piena trasparenza dell’iter amministrativo che ha fatto il suo corso senza alcun tipo di condizionamento da parte della politica”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento