Giovedì, 18 Luglio 2024
Politica

A Latina inizia l’era Celentano: primo Consiglio comunale. Le voci dei protagonisti dall’Aula

Dopo il giuramento della sindaca e il suo primo discorso in Aula, l’elezione del presidente Raimondo Tiero. Subito botta e risposta tra i consiglieri con la maggioranza che ha abbandonato la seduta. Le parole dei protagonisti

Inizia ufficialmente l’era Celentano a Latina. Nella mattinata di oggi, 14 giugno, c’è stato il primo Consiglio comunale, quello di insediamento. Tra conferme e qualche esordio tra i banchi dei consiglieri, l’Assise è iniziata con un’ora esatta di ritardo. Il primo a fare il suo ingresso in Aula è stato l’ex sindaco Damiano Coletta per la prima nella veste proprio di consigliere comunale, poi mano a mano sono arrivati tutti gli altri e la sindaca Matilde Celentano, visibilmente emozionata. “Emozione, consapevolezza e grande responsabilità”: queste le parole scelte dalla prima cittadina per raccontare questa giornata. 

Qualche minuto prima delle 10.30 - la seduta era convocata per le 9.30 - sono iniziati i lavori aperti con un minuto di silenzio in ricordo di Silvio Berlusconi e con le parole che la sindaca Celentano ha voluto dedicare al Cavaliere recentemente scomparso a cui ha fatto seguito la lettera letta dal capogruppo di Forza Italia che aveva chiesto il rinvio della seduta (oggi pomeriggio sono in programma i funerali di Stato del leader di Forza Italia). 

Primo cinsiglio comunale dell'era Celentano

Il giuramento della sindaca Celentano

Dopo la convalida degli eletti e la surroga dei consiglieri entrati al posto degli assessori che sono stati nominati nella giunta dalla sindaca Celentano, il Consiglio è proseguito con il giuramento da parte della prima cittadina che ha pronunciato poi il suo discorso in Aula. “E’ con un sentimento di orgoglio e di forte responsabilità che oggi, da sindaco di Latina, da sindaco di tutti i cittadini di Latina, ho giurato di osservare lealmente la Costituzione italiana, carta fondamentale dei diritti e dei doveri di ogni buon cittadino. La Costituzione è il nostro patrimonio irrinunciabile di democrazia e libertà: sarà la mia, la nostra, guida - ha detto Celentano -. E’ un insieme di principi che regolano il nostro vivere civile, lo guidano; è un porto sicuro nella tempesta delle incertezze, un’ispirazione nella formulazione dei nostri pensieri". "Dobbiamo fare rete tra istituzione e società civile, con lo strumento della partecipazione democratica dei giovani, dei cittadini, alla vita civica e politica. Sarà un mio impegno”. Poi Celentano, prima donna a ricoprire la carica di sindaco nel capoluogo, ha voluto ringraziare “chi ci ha dato la fiducia e anche coloro che non ci hanno scelto, ma hanno esercitato il loro diritto di voto. Sono oggi qui a rappresentare l’intera comunità di Latina che sento vicina, indipendentemente dagli steccati ideologici”. "Miei cari concittadini, consiglieri, assessori, oggi è un l’inizio di un percorso arduo e affascinante. Le elezioni - ha poi aggiunto - ci hanno chiamato a un’assunzione di responsabilità nelle scelte, riconoscendone la complessità di ogni singola azione. Questa è una nostra consapevolezza e noi ce la metteremo tutta, nel rispetto della dialettica tra maggioranza e opposizione su cui si fonda il nostro sistema democratico”. 

Il discorso della sindaca Celentano in Aula

L'elezione del presidente del Consiglio Tiero

Punto all'ordine del giorno successivo l’elezione, all’unanimità, di Raimondo Tiero quale presidente del Consiglio comunale e dei suoi vice Giuseppe Coriddi per la maggioranza e Leonardo Majocchi per l'opposizione. A seguire la nomina dei capigruppo dei partiti: Enzo De Amicis per la lista Matilde Celentano Sindaco con Francesca Maria Pagano vice capogruppo; Maurizio Galardo per l’Udc; Vincenzo Valletta per la Lega con Federica Censi come vice; Mauro Anzalone per Forza Italia con Fausto Furlenetto come vice; Cesare Bruni per Fratelli d'Italia con Dino Iavarone vice; Dario Bellini per Lbc con Loretta Isotton vice; Valeria Campagna per il Pd; Maria Grazia Ciolfi per il Movimento 5 Stelle e Nazzareno Ranaldi capogruppo di Per Latina 2032. Damiano Coletta ha annunciato che dal gruppo Misto entrerà a far parte del gruppo di Latina Bene Comune. 

Raimondo Tiero nuovo presidente del Consiglio comunale

Acceso botta e risposta tra maggioranza e opposizione 

Dopo le 15, orario in cui era previsto l’inizio delle celebrazioni per il funerale di Silvio Berlusconi, è stato chiesto il rinvio della seduta; richiesta che, messa al voto dopo una lunga discussione, non è passata e i consiglieri di maggioranza hanno deciso di abbandonare l’Aula facendo cadere il numero legale. La seduta è stata quindi prima sospesa. Nei minuti precedenti si era vissuto un momento teso in Aula, quando l’opposizione, e in particolare il consigliere Coletta, ha chiesto di intervenire dopo le comunicazioni della sindaca sulla nomina degli assessori della Giunta; richiesta che ha portato a un acceso botta e risposta tra i componenti della maggioranza e quelli della minoranza, prima della fine del Consiglio. 

Primo Consiglio comunale: è subito scontro tra maggioranza e opposizione

Le voci dal Consiglio 

Nel corso della seduta abbiamo raccolto le voci di alcuni dei protagonisti. A partire proprio dall’ex sindaco Coletta che per la prima volta siede tra i banchi dei consiglieri comunali di opposizione. “Affrontiamo questa nuova consiliatura dal ruolo che ci è stato assegnato dalla comunità, quello di opposizione. Io metto a disposizione la conoscenza acquisita durante l’esperienza da sindaco per sei anni. Siamo in un momento molto delicato, abbiamo lasciato una serie di progetti avviati che porteranno alla città circa 60 milioni di euro di finanziamento, per cui il nostro compito è vigilare affinché tutto il lavoro fatto dalla precedente amministrazione vada a compimento”. “Saremo un’opposizione vigile ma senza pregiudizi - ha detto il segretario comunale del Pd Leonardo Majocchi -. Siamo un gruppo consiliare compatto e rinnovato, con una forte presenza femminile e inizia questa consiliatura con molto entusiasmo e molta fiducia. Quello del Pnrr sarà un tema delicato e dobbiamo scongiurare che le risorse vadano perse”. Sempre dal Partito Democratico ha parlato la capogruppo Campagna: “C’è tanto da fare sui tanti temi che stanno a cuore alla città e questo sarà il lavoro che faremo come Pd dall’opposizione, un'opposizione che sarà priva di pregiudizi e non ideologica. Cercheremo di garantire dal nostro punto di vista una continuità amministrativa su vari temi, penso fra tutti ai progetti del Pnrr”. Di “vigilanza, attenzione e controllo” ma anche di “atteggiamento costruttivo e propositivo” ha parlato la consigliera Maria Grazia Ciolfi del M5S per questa nuova consiliatura. “Vogliamo partecipare al miglioramento della nostra città e portare dentro il Consiglio i nostri temi, penso alla transizione ecologica, con un lavoro importante sulle comunità energetiche, ma anche, scendendo nel concreto, attenzione alla manutenzione, al verde pubblico, senza dimenticare la Marina e la sanità”. Per la maggioranza ha parlato Cesare Bruni: “Questo Consiglio sancisce l’inizio dei lavori” ha detto il capogruppo di Fratelli d’Italia che ha indicato tra le priorità il decoro pubblico e la necessità di “rimettere in moto l’economia della città, che tra crisi economica e Covid è bloccata, e il rilancio dell’Università in centro”. “Dopo un periodo di commissariamento la città ha bisogno di ripartire. C’è tanto lavoro da fare e noi saremo presenti e compatti” ha detto Valletta della Lega che oltre al decoro ha individuato tra le priorità anche la necessità di riqualificare gli edifici scolastici. Nel giorno del primo Consiglio comunale Anzalone ha voluto ricordare Silvio Berlusconi “che come imprenditore e politico ha lasciato un segno indelebile anche in chi non lo amava. Ha rappresentato l’Italia in tutto il mondo e noi non possiamo dimenticarlo”. Consiglio comunale da capogruppo della lista Matilde Celentano sindaco, dopo aver lasciato il Pd, per Enzo De Amicis. “In aula ci sono da decenni. Nel centrodestra ho trovato una grande famiglia che mi ha ben accolto, cercherò di dare il mio contributo dal punto di vista dell’esperienza e della professionalità amministrative e politica. Questo è quello che voglio fare per rilanciare la città”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Latina inizia l’era Celentano: primo Consiglio comunale. Le voci dei protagonisti dall’Aula
LatinaToday è in caricamento