rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Cronaca

Piantagione di marijuana a Le Ferriere, arrestato anche l'affittuario del terreno

Gli agenti del commissariato hanno rintracciato l'uomo che controllava la coltivazione della droga. In carcere ci sono già quattro stranieri

C’è una quinta persona arrestata per la piantagione di marijuana scoperta la scorsa settimana in un terreno a borgo Le Ferriere. Gli agenti del commissariato di Anzio-Nettuno nel corso di un servizio di controllo del territorio avevano infatti arrestato in flagranza di reato quattro cittadini stranieri, tre di nazionalità indiana e uno di nazionalità peruviana, sorpresi nel campo di circa 3mila metri quadrati dove era stata realizzata una struttura ad hoc con tanto di copertura con dei teloni all'interno della quale sono state trovate centina naia di piante di marijuana per un peso complessivo di 285 chili. Gli uomini, che hanno 24, 29, 35 e 40 anni, sono accusati di coltivazione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e si trovano tuttora in carcere dopo la convalida del fermo dal parte del gip del Tribunale di Latina Pierpalo Bortone.

Nei giorni successivi gli accertamenti sono proseguiti e i poliziotti hanno rintracciato e arrestato una quinta persona: si tratta di C. D.B., italiano, che risulta essere l'intestatario del contratto di affitto del terreno nel quale era stata realizzata la coltivazione di droga. Secondo gli investigatori l'uomo avrebbe esercitato un assiduo controllo sul terreno e sull'attività che era in atto e viene quindi considerato anche lui responsabile della coltivazione della marijuana. 

L'uomo questa mattina è comparso davanti al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina Pierpaolo Bortone per l'interrogatorio di garanzia: assistito dall'avvocato Giuseppe Maccoccio, ha deciso di rimanere in slenzio avvalendosi della facoltà di non rispondere alle domande del magistrato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piantagione di marijuana a Le Ferriere, arrestato anche l'affittuario del terreno

LatinaToday è in caricamento