Dimensionamento scolastico, la protesta del liceo Manzoni

Dopo l'approvazione del piano da parte del consiglio provinciale, l'istituto di via Manzoni manifesta il suo malcontento di fronte al rischio di perdere i propri studenti

I corridoi del liceo Manzoni

E come era stato annunciato alla vigilia l’incontro indetto oggi da Pietro Altobelli il preside del liceo Manzoni di Latina, non ha risparmiato critiche nei confronti del piano di dimensionamento scolastico che dopo aver ottenuto l’ok da parte delle giunta comunale è stato approvato anche dal consiglio provinciale.

Un piano che sin da subito non aveva ottenuto pareri favorevoli, non solo dal Pd che aveva minacciato di fare ricorso al Tar e si è astenuto dalla votazione durante la seduta del consiglio provinciale, ma anche quella dei diretti interessati. E oggi dirigenti scolastici e studenti fanno fronte comune contro un piano che andrebbe a “smantellare” l’intera rete scolastica non solo della città di Latina, ma di tutta la provincia. 

A far sentire la sua protesta stamattina è stato il liceo Manzoni di Latina per voce del suo dirigente scolastico Pietro Altobelli. Secondo il preside tutto ruota intorno alla decisione di alzare il numero minimo di studenti che permette alle scuole di mantenere la propria autonomia. Limite che è stato portato a 1000 e che taglia le gambe a numerosi plessi della provincia.

Lo stesso liceo linguistico, uno degli indirizzi del Manzoni, in questo modo rischia di perdere la propria autonomia con il conseguente smembramento di oltre 400 studenti. Ma questo, stando a quanto sancito dal piano di dimensionamento scolastico, non è un rischio corso solo dal liceo di via Magenta, ma anche da molti gli istituti che potrebbero non raggiungere il numero limite di 1000 studenti.

Ma per ora per il Manzoni la protesta è solo iniziata. Presto verranno inviate agli organi di competenza una serie di proposte alternative allo “smantellamento” nella speranza per l’istituto di non perdere i propri studenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente ad Aprilia, sono moglie e marito le due vittime travolte da un'auto in via La Cogna

  • Inseguimento e spari in strada: polizia esplode colpi contro l’auto dei rapinatori in fuga

  • Desirée, parla la mamma a Porta a Porta: "Con le cure obbligatorie sarebbe viva"

  • Non paga il pedaggio in autostrada, smascherato: danni per 10mila euro

  • "Madame furto" questa volta non si salva dal carcere: dai domiciliari finisce in cella

  • Trovato con cocaina e hascisc ammette tutto: "Dovevo pagare debiti di droga"

Torna su
LatinaToday è in caricamento