Cronaca

Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate: cerimonie a Sabaudia ed Aprilia

Ieri le celebrazioni. Gervasi: “Onore ai tanti che hanno combattuto nel nome del tricolore che io indosso, con profondo rispetto, anche per loro”. Terra: “Di queste vicende che sembrano così lontane nel tempo dobbiamo fare tesoro”

Sindaco di Sabaudia Gervasi durante la cerimonia a Borgo Vodice

Dopo le cerimonie organizzate dalla Prefettura nella giornata di 4 Novembre, anche Sabaudia ed Aprilia ieri - domenica 5 novembre - hanno celebrato la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate. 

Due cerimonie a Sabaudia

A Borgo San Donato e Borgo Vodice ieri mattina si sono svolte le due cerimonie di commemorazione della Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate. Le comunità dei due borghi hanno voluto ricordare i Caduti di tutte le guerre attraverso la deposizione della corona d’alloro al monumento ai caduti, alla presenza del sindaco Gervasi, delle autorità militari e delle Associazioni combattentistiche. 

Un omaggio sentito e partecipato per tutti coloro che hanno sacrificato la propria vita nel nome dell’unità nazionale e dello spirito patriottico che ha da sempre rappresentato il motore fondante della comunità italiana.  

“La pace è frutto di tante guerre, di tante vite spezzate, di tanti uomini che hanno lottato per i loro ideali – ha commentato il primo cittadino Gervasi, ricordando il grande sforzo operato dai combattenti per la conquista della libertà e della democrazia –. Da pochi giorni è decorso il centenario di una storica battaglia, la battaglia di Caporetto. Uno dei momenti più importanti della storia della nostra Nazione, ma anche un grande momento di riflessione: perché noi siamo qui grazie alla forza di questi combattenti, che hanno combattuto per questo tricolore che io indosso, con profondo rispetto, anche per loro”. 

La giornata commemorativa ad Aprilia

Giornata commemorativa in occasione della Festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate anche ad Aprilia ieri, domenica 5 novembre.  

Nel corso della manifestazione, il sindaco Antonio Terra ha deposto una corona d’alloro presso il Monumento ai Caduti di piazza dei Bersaglieri, quale omaggio rivolto al sacrificio di chi ha perso la vita per la pace e la democrazia in Italia, ricordando nel suo successivo intervento il concittadino Caporal Maggiore Massimo Di Legge, tragicamente scomparso nel 2011 mentre era impegnato in una Missione di Pace in Afghanistan.

“Di queste vicende che sembrano così lontane nel tempo – ha detto il primo cittadino Terra – dobbiamo fare tesoro. Gli attacchi terroristici, quelli che hanno colpito duramente l’Europa e quello recentissimo che ha sconvolto Manhattan, sono oggi pericoli per la democrazia, in Italia come in Europa e nel mondo. La Città di Aprilia non può e non vuole dimenticare il suo passato, perché conosce gli effetti più drammatici dei conflitti internazionali e per questo motivo non manca di celebrare questi giorni simbolici, ma soprattutto promuove la pace e la convivenza civile tra i popoli tutti i giorni, con le nostre azioni quotidiane e nell’educazione dei nostri figli”.

giornata_unita_italia_aprilia_2017-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate: cerimonie a Sabaudia ed Aprilia

LatinaToday è in caricamento