menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto Ansa)

(foto Ansa)

Omicidio a Formia, davanti al giudice il 16enne fermato. Sequestri per i partecipanti alla rissa

Oggi l’udienza di convalida per il giovane di Casapulla. Proseguono intanto le indagini mentre Formia ieri è riunita ieri sera per ricordare Romeo

Vanno avanti senza sosta le indagini da parte della polizia sull’omicidio di Romeo Bondanese, il giovane di 17 anni di Formia ucciso con una coltellata nella serata di martedì 16 febbraio. “Il quadro non è ancora completo” ha spiegato il questore di Latina Michele Spina; con il fermo del 16enne di Casapulla, ritenuto il presunto responsabile dell’uccisione di Romeo Bondanese, “è stato fatto solo un primo passo” ha poi aggiunto.

E proprio il giovane di origini casertane comparirà oggi davanti al gip del Tribunale dei Minori di Roma Federico Falzone per l'udienza di convalida. Ascoltato dalla polizia subito dopo i fatti è apparso molto provato, prima di essere accompagnato presso un centro di accoglienza minorile di Roma dove si trova al momento. Le ipotesi di reato al momento nei suoi confronti sono quelle di omicidio e lesioni aggravate. Al momento, mentre un secondo giovane amico del 16enne non è stato ancora trovato, da quanto si apprende, altri due giovani della provincia di Caserta sono stati ascoltati dalla polizia come persone informate sui fatti.

Ma da subito dopo il tragico episodio di martedì 16 febbraio, gli agenti del Commissariato di Formia hanno raccolto tantissime testimonianze di quanti erano presenti sul ponte Tallini quella sera; queste, insieme alle immagini estrapolate dalle telecamere di videosorveglianza delle attività presenti lungo la centralissima via Vitruvio, possono risultare utili ad identificare tutti i partecipanti alla rissa, almeno una decina. Intanto, come riporta CasertaNews, per chi è stato rintracciato si sta procedendo al sequestro di telefoni cellulari e di abiti. Intanto nella giornata di ieri il pubblico ministero del Tribunale dei minori di Roma ha conferito l’incarico al medico legale per l’autopsia che si dovrebbe svolgere nella giornata di domani. Poi si potranno tenere i funerali

Ieri sera, intanto, Formia si è riunita per una veglia di preghiera; in tantissimi, amici, compagni di scuola e cittadini, si sono stretti nel dolore radunandosi sul ponte Tallini, nel punto in cui è stato ucciso il giovane 17enne. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento