Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica

Ristrutturazione dei beni confiscati, prorogati i termini per l'ottenimento dei fondi regionali

L'ammontare complessivo dei contributi è di un milione e mezzo di euro. In provincia di Latina gli immobili assegnati sono 17

L'Avviso pubblico per la concessione ai Comuni e alle associazioni di contributi per un milione e mezzo di euro per la ristrutturazione di beni confiscati alle mafie pubblicato lo scorso 22 luglio è stato prorogato con scadenza al 15 novembre 2021 al fine di assicurare comunque la ragionevole durata e conclusione dei procedimenti, nonché garantire la massima diffusione e un coinvolgimento quanto più capillare e mirato dei potenziali destinatari.  Lo ha reso noto la Regione Lazio precisando che il provvedimento è stato adottato a  seguito dell’attacco subito dai sistemi informatici della Regione che ha reso il sito dell’ente irraggiungibile per alcune settimane.

I Comuni del Lazio a cui sono stati assegnati beni confiscati dall'Agenzia dei Beni Sequestrati e Confiscati sono 77 di cui 37 in provincia di Roma, 17 a Latina, 15 a Frosinone, 6 a Viterbo e 2 in provincia di Rieti. In questi ultimi anni abbiamo finanziato 48 progetti di ristrutturazione a Comuni e associazioni e restituiti alle comunità 13 immobili, diventati luoghi di inclusione, cittadinanza e socialità responsabile.

“Restano salve le istanze già pervenute, ferma restando la possibilità di ripresentare l’istanza medesima, secondo le procedure previste nell’Avviso o di integrare l’istanza già presentata - spiega il presidente dell'Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione Lazio Gianpiero Cioffredi - i progetti, finanziabili fino a 70mila euro, devono prevedere il ripristino dell'agibilità del bene e la sua messa in sicurezza con interventi di tipo strutturale, di finitura e/o di impiantistica, l'abbattimento delle barriere architettoniche, l'adeguamento alla normativa vigente in materia di misure antincendio. L'impegno e lo sforzo per riutilizzare a scopo sociale i beni confiscati alle mafie  - conclude Cioffredi - è il modo con cui vogliamo  affermare un principio di valore culturale, etico ed educativo nella lotta ai sodalizi criminali, che vede nelle comunità dei territori il protagonista principale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ristrutturazione dei beni confiscati, prorogati i termini per l'ottenimento dei fondi regionali

LatinaToday è in caricamento