rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Politica

Politiche ambientali, Cozzolino all'attacco: “Tutto fermo”

DCritiche all'amministrazione comunale da parte del consigliere del Pd che definisce le parole del sindaco solo "chiacchiere elettorali". "Tantissimi i temi in sospeso che ci relegano tra le peggiori realtà italiane"

Politiche ambientali ferme. Questa la denuncia del consigliere comunale del Pd, Alessandro Cozzolino – che fa riferimento anche alla “brutta classifica” del capoluogo pontino nel report Ecosistema Urbano di Legambiente in cui Latina si piazza al penultimo posto tra le città medie - in merito ad un tema che definisce importantissimo per migliorare la qualità dei cittadini

“Completamente smentita la politica del fare sbandierata da questa maggioranza – sottolinea Cozzolino – la città è ferma a una serie di inadempienze. Sono tantissime le questioni ambientali rimaste in sospeso. Innanzitutto il piano delle antenne: da mesi aspettiamo che in commissione si discuta del regolamento, ma a parte una piccola fiammata iniziale non se ne è fatto più nulla. Della raccolta degli oli esausti, importantissima per la difesa ambientale, oltre a un servizio solo annunciato non c’è stato nulla.

La gestione dei rifiuti è drammatica: gli ecopunti, sistema premiante per i cittadini che differenziano i rifiuti ingombranti, è pronto per partire ma non viene avviato, a tutto discapito dei cittadini che si ritrovano bollette salatissime senza la possibilità degli sconti; le isole ecologiche interrate, annunciate in diverse occasioni, sono solo dei cantieri chiusi e lasciati a metà. Persa nelle maglie dell’amministrazione anche la app per la segnalazione di situazioni di degrado ambientale, che grazie a un'iniziativa parallela, il gruppo facebook "fotografa il cassonetto" stiamo portando avanti privatamente come opposizione, su idea in primis del consigliere Fioravante”.

“Il progetto per il servizio civile denominato Smart Park – continua il consigliere del Pd – attraverso il quale il Comune voleva impiegare 30 giovani nella supervisione e manutenzione dei parchi e delle aree verdi attrezzate della città di Latina, non si può mettere in pratica perché il Comune di Latina non è accreditato per il servizio civile. Manca il regolamento per le alienazioni del verde pubblico, non ci sono più notizie dell’iter per la bandiera blu per il mare di Latina, come annunciato dall’assessore all’Ambiente, che significherebbe il rispetto dei criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio”.

Quelle del sindaco di Latina, per Cozzolino, rimangono “solo chiacchiere elettorali. Le terme, costate ai cittadini oltre sei milioni di euro dal primo progetto a oggi, sono irrealizzabili. Il parco marino invece è un progetto del quale non si è neanche mai parlato. Il Comune dunque rompa gli indugi e calendarizzi le discussioni sui temi ambientali importanti per la città”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Politiche ambientali, Cozzolino all'attacco: “Tutto fermo”

LatinaToday è in caricamento