Politica Centro / Piazza del Popolo

Comune, salta il Consiglio e il Pd occupa l’aula. Seduta convocata per il 26 novembre

La maggioranza non si presenta alla seduta richiesta dal Pd per discutere delle dimissioni del sindaco e i consiglieri decidono di occupare l'aula fino alla convocazione di un nuovo Consiglio, fissato poi per mercoledì prossimo

Salta il Consiglio comunale a Latina e il Pd occupa l’aula consiliare.

Giornata intensa quella di oggi in piazza del Popolo dove questa mattina - come era stato annunciato alla vigilia dai gruppi consiliari di Forza Italia e Fratelli d'Italia - la maggioranza non si è presentata alla seduta richiesta dallo stesso Partito Democratico dopo le dimissioni - poi ritirate - del sindaco Di Giorgi.

Manca il numero legale, salta la seduta e subito scatta la protesta dei consiglieri del Pd che attaccano duramente maggioranza e sindaco e decidono di occupare l’aula “fino a quando non verrà ufficialmente convocato un nuovo Consiglio”.

Nei giorni scorsi i gruppi consiliari di Forza Italia e Fratelli d’Italia avevano annunciato di non volersi presentare all’assise fissata per oggi in attesa della convocazione di una seduta entro la fine del mese durante la quale lo stesso primo cittadino avrebbe dato tutte le sue spiegazioni e chiesto la fiducia.

La maggioranza e il sindaco non si presentano in consiglio. Il Pd “occupa" l'aula consiliare. Noi non ci muoveremo da qui fino a quando non verrà convocato un consiglio comunale in cui il Sindaco riferirà alla città. Vi aspettiamo in aula” scrive il capogruppo del Pd Alesandro Cozzolino sulla sua pagina Facebook.

AGGIORNAMENTI - Nel pomeriggio la comunicazione ufficiale della convocazione della seduta straordinaria del Consiglio comunale fissata per mercoledì 26 novembre con un unico punto all’ordine del giorno: “Esame ed approvazione delle linee programmatiche di fine mandato sindacale”. La seduta richiesta dal sindaco di Di Giorgi, come annunciato anche al momento del ritiro delle dimissioni da parte del primo cittadino.

LA REPLICA DI FORZA ITALIA E FRATELLI D'ITALIA - Nel tardo pomeriggio i gruppi consiliari di Forza Italia e Fratelli d’Italia, che oggi non si sono presentati in Consiglio, sono voluti intervenire su quanto accaduto e sulla decisione del Pd di occupare l’aula dopo la seduta saltata. “Come in precedenza anticipato, i gruppi consiliari di Forza Italia e Fratelli d’Italia-An non hanno preso parte alla odierna seduta del Consiglio comunale, richiesta dal PD in maniera inutile e strumentale - spiegano in una nota -.

L’azione che è stata intrapresa oggi dal PD di rimanere in aula anche dopo la fine della seduta del Consiglio finalizzata ad ottenere l’anticipo della conferenza dei capigruppo è altamente strumentale perché é chiaramente un maldestro e disperato tentativo di ottenere visibilità e un ruolo mediatico in una crisi che invece è già stata da tempo incardinata in un percorso istituzionale lineare.
Infatti, il sindaco Di Giorgi, nell’annunciare il ritiro delle sue dimissioni, ha chiesto egli stesso la convocazione di un Consiglio comunale per il 26 novembre e lì spiegare le ragioni delle sue scelte. A tal proposito era stata fissata per domani mattina la conferenza dei capigruppo, anticipata ad oggi alle ore 13 su richiesta dell’opposizione ed accordata per stemperare i toni e nel corso della quale è stata decisa la convocazione del Consiglio comunale proprio per il 26 novembre. Tale circostanza era comunque già nota all’opposizione sin da stamattina.       

Se c’è qualcuno che vuole andare in Consiglio comunale e portare il confronto davanti alla città - concludono da Forza Italia e Fratelli d’Italia -, questo è certamente il sindaco e gli esponenti della maggioranza”.        

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, salta il Consiglio e il Pd occupa l’aula. Seduta convocata per il 26 novembre

LatinaToday è in caricamento