rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Europa / Ventotene

Ventotene, Draghi: "Di fronte all'invasione dell'Ucraina, i valori del Manifesto sono più attuali che mai"

Gli interventi del presidente del Consiglio e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in occasione della manifestazione "Ventotene Europa festival". Necessario impegno per Europa coesa, libertà e pace"

"Di fronte all'invasione dell'Ucraina, i valori contenuti nel Manifesto di Ventotene sono più attuali che mai. Il ritorno a casa della prima copia del Manifesto è l'occasione per rinnovare il nostro impegno a favore della libertà, della democrazia e della pace. Dobbiamo ricordare il ruolo avuto dall'idealismo federalista nella costruzione di una coscienza europea a cui dobbiamo affiancare il pragmatismo che è stato alla base della creazione delle prime istituzioni europee e della loro evoluzione". Sono le parole del presidente del Consiglio Mario Draghi, in un messaggio inviato alla sesta edizione del 'Ventotene Europa Festival', manifestazione che l'associazione La Nuova Europa organizza ogni anno con studenti provenienti da tutti i Paesi europei sull'isola che ha dato i natali al Manifesto federalista. Quest'anno la kermesse è dedicata alla necessità di raggiungere rapidamente una tregua per una pace duratura dopo l'invasione russa dell'Ucraina e lo scoppio del conflitto.

"Siamo così oggi tutti più consapevoli non solo dell'importanza ma anche della necessità di un'Europa coesa al suo interno e forte nel parlare all'esterno con una voce sola, un'Europa che sia più della somma delle sue parti", ha dichiarato anche, in un videomessaggio per la sesta edizione del Ventotene Europa Festival, il ministro degli Esteri Luigi di Maio, che ha sottolineato l'importanza del ruolo dei giovani nella costruzione europea, soprattutto in tempi così difficili dove la risposta dell'Unione europea è fondamentale, contro la pandemia come contro l'aggressione russa dell'Ucraina.  "Iniziative come la Scuola d'Europa - ha detto il ministro degli Affari Europei - contribuiscono a rendere questa visione una realtà, consolidando il sentimento di un'appartenenza condivisa. Alla base dell'idea di Europa ci sono i cittadini, e l'Unione Europea si costruisce a partire dalle comunità, dai quartieri, dalle città". Per Di Maio occorre, a conclusione dei lavori della Conferenza sull'Europa, una riforma dell'Ue che si focalizzi su priorità "sia di ordine sostanziale - per un'Europa più unita, forte e autonoma ma anche più inclusiva e solidale, traendo le necessarie lezioni dall'esperienza della pandemia e dalla risposta alla crisi ucraina - che di metodo, per rendere l'Unione capace di decidere in modo efficace e rapido sulle questioni che più toccano la vita dei cittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ventotene, Draghi: "Di fronte all'invasione dell'Ucraina, i valori del Manifesto sono più attuali che mai"

LatinaToday è in caricamento