Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Caso Berardi, i figli si incatenano davanti all’ambasciata: “Ridateci nostro padre”

L'appello disperato dei due ragazzi che chiedono la liberazione del padre, l'imprenditore pontino in carcere in Guinea Equatoriale dal gennaio 2013. Ieri il sit in a Roma davanti all'ambasciata del paese africano

Un gesto di amore e disperazione quello dei due figli di Roberto Berardi, l’imprenditore pontino in carcere dal giugno del 2013 a Bata nella Guinea Equatoriale, per chiedere la liberazione del padre e l’intervento del governo italiano.

Ieri i due ragazzi si sono incatenati davanti all’ambasciata del paese africano a Roma con indosso una maglietta blu con la scritta “Ridateci nostro padre”: il grido di due ragazzi, ma anche di tutta la famiglia di Berardi e dei suoi amici, che da due anni combattono per vedere l’imprenditore pontino finalmente libero.

Oltre due anni di prigionia in cui Berardi è stato costretto a subire trattamenti disumani; è stato male, ha più volte contratto la malaria, ha perso decine di chili ed è stato rinchiuso in isolamento. Ma due anni di disperazione e dolore anche per chi, dall’Italia, ha combattuto per la sua liberazione.

In carcere perché condannato a due anni e quattro mesi per appropriazione indebita, per Roberto Berardi il 19 maggio scorso doveva essere il giorno della liberazione, ma non è stato così. Le autorità giudiziarie locali non hanno conteggiato la carcerazione preventiva fatta dall’imprenditore pontino dal giorno del suo arresto al 7 marzo 2013, primo giorno di condanna riconosciuto dallo stesso Tribunale. Da qui la decisione di fissare la scarcerazione al 7 luglio.

Una data che la famiglia e i parenti di Berardi non riconosce come legittima ed ha richiesto più volte la sua immediata scarcerazione, ma fino ad ora le loro richieste non sono state ascoltate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Berardi, i figli si incatenano davanti all’ambasciata: “Ridateci nostro padre”

LatinaToday è in caricamento