menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Bandiere a mezz'asta a Sonnino

Bandiere a mezz'asta a Sonnino

Funerali di Stato per Vittorio Iacovacci, poi la cerimonia a Fossanova. Lutto cittadino a Sonnino

Giovedì 25 febbraio nella basilica di Santa Maria degli Angeli a Roma le esequie di Stato; il giorno successivo l’ultimo saluto da parte della comunità di Sonnino. Il sindaco proclama il lutto cittadino cittadino per venerdì

Prima i funerali di Stato a Roma, poi le esequie anche a Fossanova per Vittorio Iacovacci, il carabiniere di Sonnino che lo scorso lunedì 22 febbraio ha perso la vita in un attentato ad un convoglio dell’Onu nella Repubblica Democratica del Congo insieme all’ambasciatore italiano nel Paese africano Luca Attanasio e all'autista del Programma alimentare mondiale Mustapha Milambo.

Eseguite l’autopsie nella giornata di oggi, i funerali di Stato dei due connazionali si terranno dunque giovedì 25 febbraio alle 9.30 nella basilica romana di Santa Maria degli Angeli. Terminata la cerimonia la salma del carabiniere farà ritorno a Sonnino, paese che gli ha dato i natali, per un ultimo abbraccio da parte di tutta la comunità ancora sconvolta dalla prematura scomparsa del militare che avrebbe compiuto 31 anni a marzo e che questa estate si doveva sposare con la sua fidanzata.

Alle 14.30 di venerdì 26 febbraio si svolgeranno le esequie nell’Abbazia di Fossanova dove lunedì scorso padre Andrea David aveva dedicato un momento di preghiera al carabiniere ucciso. Per lo stesso giorno il sindaco di Sonnino Luciano De Angelis ha proclamato il lutto cittadino, come aveva annunciato nell’immediato lo scorso 22 febbraio dopo la tragica notizia della morte di Vittorio Iacovacci.

“La notizia della morte del nostro emerito concittadino Vittorio Iacovacci, caduto nell’adempimento del suo dovere nei confronti del Paese - si legge nell’ordinanza firmata oggi dal sindaco per la proclamazione del lutto cittadino -, ha profondamente colpito la popolazione di Sonnino che unanimemente riconosce al compianto doti di umanità, coraggio e prestigio espresse nei suoi servizi resi allo Stato, nell’impegno e sacrificio profuso a difesa dei cittadini e delle istituzioni, in Italia e all’estero, e nel rappresentare l’encomiabile esempio di un vero e proprio servitore dello Stato che incarna il più profondo ‘spirito di servizio’ di chi per tutelare l’Italia e i suoi valori è disposto a rischiare anche la propria vita”. L’Amministrazione comunale, “raccogliendo la spontanea partecipazione ed il sentire convinto” della comunità, intende così manifestare, “in modo tangibile e solenne, il cordoglio del Comune di Sonnino per questa perdita che ha colpito la cittadinanza” e la “propria partecipazione alla famiglia e ai conoscenti che hanno perso il loro caro Vittorio Iacovacci”.

Con il provvedimento di oggi il sindaco ordina “l’esposizione delle bandiere a mezz’asta sugli edifici comunali e sui luoghi pubblici comunali” fino al 26 febbraio e la “possibilità di chiusura di tutti gli esercizi commerciali, delle imprese e delle attività artigianali con l’abbassamento delle serrande e la disattivazione delle insegne luminose dalle ore 14.30 fino alla conclusione della cerimonia funebre”. L’invito è poi a “tutti i concittadini, i titolari di attività commerciali, le organizzazioni politiche, sociali e produttive e le associazioni  sportive, ad  esprimere la loro partecipazione al  lutto cittadino mediante la sospensione delle attività, in segno di raccoglimento e rispetto durante i funerali”.

"Esponiamo tutti il tricolore nelle nostre abitazioni diamo la giusta accoglienza a questo 'nostro figlio'" ha detto il primo cittadino De Angelis.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LatinaToday è in caricamento