Venerdì, 14 Maggio 2021
Attualità

Coronavirus, nel primo giorno di zona gialla il Lazio sotto quota mille contagi

In provincia intanto si aggrava il bilancio di ricoveri e decessi. Tutti i dati aggiornati sulla curva e sulla campagna vaccinale che ha superato 1 milione e 700mila somministrazioni

La nuova settimana in provincia si è aperta con 121 nuovi casi di covid secondo i dati riportati nel bollettino della Asl di oggi, 26 aprile. Il report giornaliero segnala anche 7 guariti ma nessun nuovo decesso nelle ultime 24 ore. Venti i comuni pontini coinvolti, con Latina che conta altri 21 contagi, seguita da Aprilia e Fondi che contano 16 ciascuno, 11 positivi sono stati accertati poi a Cisterna e Terracina e altri 10 a Sabaudia. Il totale dall'inizio di aprile è di 3.802 contagi.

Sono stati inoltre 12 i ricoveri tra i pazienti risultati positivi nelle ultime 24 ore, un dato risultato in aumento proprio negli ultimi giorni; 1858 invece le vaccinazioni, con la provincia che ha ormai superato quota 120mila somministrazioni con oltre 36mila persone che hanno completato il ciclo anche con la seconda dose. 

Allarme nella comunità indiana: indagine epidemiologica per lo spettro variante

E' ancora pieno allarme intanto, sul territorio, per i contagi che si diffondono all'interno della comunità indiana di braccianti agricoli impiegati nelle aziende di diversi comuni pontini. Sono oltre 260 i cittadini indiani positivi sul territorio, a cui si aggiungono più di 30 minori. L'intera comunità è da alcune settimane sotto osservazione, con  screening a tappeto e controlli per verificare il rispetto delle quarantene. Proprio oggi si è tenuto un nuovo vertice in prefettura per fare il punto della situazione.. E l'assessore alla Sanità del Lazio Alessio D'Amato ha spiegato che è in corso un'indagine epidemiologica proprio tra la popolazione Sikh, con l'invio di campioni allo Spallanzani per verificare la circolazione della variante. In corso le operazioni per rintracciare tutti gli ultimi arrivi dall'India (tutti i dettagli).

Nel Lazio contagi sotto quota mille

Nel primo giorno del Lazio in zona gialla, i casi di covid sono stati, su un totale di 16mila test, 964, con 44 decessi e 1.134 guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 8%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è al 5%", spiega l'assessore alla sanità laziale Alessio D'Amato che aggiunge: "Faccio un invito a mantenere alta l'attenzione e tutte le misure di prevenzione". 

Il bollettino della regione

Stando agli ultimi dati aggiornati, sono 46.623 i casi attualmente positivi in tutto il Lazio, di cui 2.411 ricoverati, 331 in terapia intensiva e 43.881 in isolamento domiciliare. Dall'inizio dell'epidemia i guariti sono 265.285, i decessi 7.554 e il totale dei casi esaminati è pari a 319.462. Per quanto riguarda la distribuzione per province, a Roma i nuovi casi sono stati 536, nel resto della provincia di Roma 252 mentre nelle province del Lazio complessivamente 178, di cui 121 solo a Latina, 29 a Frosinone, 25 a Viterbo, uno solo a Rieti.

Lazio in zona gialla: ecco tutte le novità

Mentre il territorio pontino fa i conti con una curva che non scende, oggi, 26 aprile il Lazio entra in zona gialla come disposto dal ministro della Salute Roberto Speranza con l’ordinanza dello scorso venerdì. Dopo settimane trascorse in rosso e arancione, anche per i residenti del territorio di Latina sono previste misure meno restrittive, come anche alcune novità introdotte con l’ultimo decreto del Governo, quello soprannominato “Riaperture”. Sarà consentito spostarsi all’interno della propria regione, come anche in entrata e in uscita dalle altre regioni bianche o gialle, sempre solo tra le 5 e le 22, orario in cui scatta ancora il coprifuoco. Altre novità riguardano inoltre bar e ristoranti, negozi, cinema, teatri e spettacoli, musei e attività sportive all'aperto (qui tutti i dettagli).

Controlli dei Nas: tracce di covid nei supermercati

Dopo i controlli a bordo dei mezzi pubblici, i carabinieri del Nas hanno ispezionato anche i supermercati della provincia di Latina e di altre città italiane con l'obiettivo di verificare la presenza di tracce di coronavirus nei punti che vengono toccati con le mani. Si tratta di una campagna nazionale che ha coinvolto complessivametne 981 esercizi commerciali individuati tra quelli di maggiore afflusso. Tra le province di Latina e Frosinone sono stati effettuati 31 tamponi sulle superfici (maniglie di carrelli e frigoriferi e tastiere dei pos) rilevando in due casi alcune tracce di covid (qui la notizia).

Tutti i numeri della campagna vaccinale del Lazio

Per quanto riguarda, infine, la campagna vaccinale sono partiti in questi giorni due nuovi hub nel Lazio: quello allestito a Valmontone outlet e La Vela del Policlinico Tor Vergata, che somministrano entrambi il vaccino monodose Johnson & Johnson. Intanto l'Unità di crisi del Lazio ha annunciato ieri che sono state superate 1 milione e 725 mila somministrazioni di vaccino  Le percentuali di somministrazioni della prima e della seconda dose di vaccino rispetto ai cittadini prenotati sono: per gli over 80 prima dose 99%, seconda dose 77%; over 70 prima dose 67%, seconda dose il 19%; over 60: prima dose 58%, seconda dose 14%. Il 25% dell'intera popolazione target della Regione Lazio (maggiori dei anni 16) ha ricevuto la prima dose e l'11% ha ricevuto la seconda dose.

Al via le vaccinazioni per la fascia 50-59 anni con patologie

Dalla mezzanotte si aprirà il servizio di prenotazione del vaccino anti covid per la fascia di età compresa tra i 50 e i 59 anni con esenzioni per patologie (comorbidità). Nel Lazio si tratta di una platea di oltre 180mila utenti assistiti. Nella regione inizia così la "Fase 4" prevista dal Piano nazionale, che proseguirà nelle prossime settimane per fasce di età e per patologie (qui tutti i dettagli sulle patologie e le fasce di esenzione).

Coronavirus, le altre notizie

Coronavirus Cisterna: vaccinazioni all'ambulatorio di San Valentino

Sermoneta ricorda le vittime del Covi-19

Estate al tempo del Covid: 3 milioni dalla Regione per i Comuni costieri

Coprifuoco alle 22, Confartigianato: “Un’incongruenza che pesa sui ristoratori”

Didattica in presenza al 100%, l'allarme della Gilda: "Mossa azzardata"

Latina, alta diagnostica al tempo del covid: 20mila prestazioni in un anno

Articolo aggiornato alle 19,36

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, nel primo giorno di zona gialla il Lazio sotto quota mille contagi

LatinaToday è in caricamento